[ Calendario Eventi ]

La Notte di San Lorenzo, le tradizioni italiane


La Notte di San Lorenzo – dieci agosto – è un appuntamento fisso con le stelle cadenti.

Mancano solo 3 giorni, avete pensato quale sarà il desiderio da esprimere quando vedrete (se avrete la fortuna) una stella cadente? Immagino che non si parli di ‘desiderio’ ma di ‘desideri’, specialmente in questo periodo in cui combattiamo non per vivere ma per sopravvivere; e se avessimo la fortuna di vedere almeno una stella cadente? Pensiamoci bene, chissà sarà la volta buona, e il desiderio – come per incanto – si trasformerà in realtà.

Ogni regione d’Italia organizza eventi come sagre, falò al mare, serate all’insegna del divertimento… tutti con uno scopo ben preciso: alzare gli occhi verso il cielo e aspettare che una luminosa stella passi velocemente fino a scomparire.

Le tradizioni, in particolare quelle in cui il folklore fa da padrone di casa, riempiono le piazze con tanta bella gente e di etnie diverse ma con uno scopo comune: divertirsi e rientrare nel proprio paese con un bagaglio in più, quello dell’accoglienza e del divertimento così come noi italiani siamo capaci di fare molto bene.

Ogni città del Belpaese ha il proprio primato su una o più specialità culinarie… beh non per niente siamo conosciuti in tutto il mondo per il nostro vasto baule enogastronomico.

La notte di San Lorenzo, se vogliamo dirla tutta, è una ‘straordinaria scusa’ per condividere tutti insieme il divertimento; il mangiare bene; e tanto altro. Vacanza non significa solo relaxvacanza significa anche trasferire a chi non è del luogo un’esperienza, non voglio dire indimenticabile, ma genuina e autentica; avete presente quando si dice “per le prossime vacanze sarò di nuovo qui”? Tutto ciò fa bene al nostro Paese e al turismo.

E voi cosa ne pensate?

Concludo con una curiosità!

Eravate a conoscenza che le stelli cadenti, ovvero quelle relative alla notte di San Lorenzo, sono altresì chiamate Fuochi di San Lorenzo? Ciò è legato a una leggenda secondo cui ricorderebbero le scintille partite dalla graticola infuocata sulla quale fu assassinato il martire, poi volate verso il cielo. In realtà San Lorenzo venne decapitato e non bruciato, ma alla tradizione popolare ‘piace’ l’idea dei lapilli volati in cielo… ancora oggi anche noi, probabilmente, apprezziamo questo racconto!


Tags: , , ,