[ Idee di Viaggio ]

Le più belle spiagge del litorale di Quartu Sant’Elena


La cittadina di Quartu Sant’Elena è la terza della Sardegna per estensione demografica, e sul suo territorio si trovano alcune delle più belle spiagge dell’isola, che vanno a formare in litorale unico nel panorama sardo. Situata al confine con la città di Cagliari, la cittadina quartese ne eredita la parte finale della spiaggia del Poetto, uno dei litorali più lunghi di tutto il territorio europeo, che rappresenta anche il vero inizio delle spiagge del litorale di Quartu.

Ogni anno la zona si riempie di bagnanti provenienti sia dalle cittadine di Quartu e Cagliari, che da tutto l’hinterland cagliaritano, tanto che il soprannome del Poetto è “spiaggia dei centomila“, il numero approssimativo di persone che affollano la spiaggia ogni giorno. Questo è uno dei motivi per cui i servizi non mancano, tra stabilimenti balneari e punti di ristoro, ma anche il web fa la sua parte, come ad esempio con i servizi per i cittadini ed i turisti che mette a disposizione il portale di Quartu Sant’Elena, un punto di riferimento per avere notizie sempre aggiornate su tutto ciò che ruota intorno alla città.

Allontanandosi dal Poetto incontriamo le prime spiagge della Marina di Capitana, circondate da villette e spiagge lunghe una decina di metri, con un porticciolo caratteristico che rende la zona un piccolo gioiello sul mare. Da qui in poi si trovano tutta una serie di zone che rappresentano una vera gioia per gli occhi, come le splendide spiagge di Terra Mala, Is Mortorius e Cala Regina, con quest’ultima caratterizzata dalla presenza di una torre di avvistamento spagnola, con un promontorio a strapiombo sul mare che la sovrasta.

Un’altra zona che attira ogni anno moltissimi turisti è quella di Mari Pintau, con la sua sabbia di ciottoli, che una volta entrati nelle acque cristalline del suo mare lasciano il passo ad una sabbia bianca finissima. Il nome di questa parte del litorale di Quartu si deve alla particolare bellezza del luogo, infatti in sardo significa “mare dipinto”, proprio perché chiunque ci posi gli occhi per la prima volta si trova di fronte ad uno spettacolo unico, che sembra uscito dalla tela di un pittore.

Quartu Sant’Elena è famosa anche per la presenza dello Stagno di Molentargius, un parco naturale riconosciuto a livello regionale, che ospita diverse specie di fauna selvatica, e dove nidifica il fenicottero rosa, uno dei simboli della città. Lo stagno, in unione con le bellissime spiagge del litorale, rende Quartu una cittadina a misura di turista, un luogo dove entrare in contatto con alcune delle bellezze della Sardegna, terra che da sempre accompagna i sogni dei viaggiatori.

(Fonte immagine commons.wikimedia.org)


The following two tabs change content below.
Tags: , ,