[ Idee di Viaggio ]

Porto Vecchio fra mare, tamerici e oleandri


La Corsica è un’isola selvaggia che merita davvero di essere visitata e attraversata in auto per riuscire a gustarsi i suoi paesaggi incontaminati, variegati e suggestivi e i suoi scorci mutevoli. Siamo partiti lo scorso agosto senza aver pianificato la nostra vacanza, con il desiderio di scegliere e studiare i nostri itinerari giorno per giorno, facendoci consigliare dagli stessi corsi, sempre gentili, ospitali e disponibili.

Siamo arrivati a Bastia la sera verso le 22, con un’ora di ritardo rispetto all’orario di arrivo originariamente previsto, partendo da Piombino con il traghetto Corsica Ferries. Due biglietti ci sono costati € 190, acquistati un mese prima della partenza direttamente sul sito della compagnia. La sera stessa, non riuscendo a trovare un albergo libero (consiglio vivamente di prenotare con largo anticipo prima della propria partenza), ci siamo diretti subito a Porto Vecchio e abbiamo trascorso la notte in macchina, in un parcheggio tranquillo di fronte a un albergo. In Corsica non ci sono autostrade, quindi la scelta di viaggiare di notte si è rivelata ottimale: abbiamo evitato il traffico e l’aria condizionata. La mattina ci siamo addentrati nella città e ci siamo messi alla ricerca di una caffetteria. Ce ne sono tantissime dove fare colazione e riempire i propri cestini con croissants, crepes e brioches calde e profumate.

Vacanze estive in Corsica

Trascorriamo dal nostro arrivo tutte le mattinate al mare, nelle spiagge più belle, quando sono ancora poco affollate e l’acqua è più cristallina. Nei primi giorni della nostra vacanza visitiamo la Palombaggia, che delude però le nostre aspettative, complice anche il mare mosso. La sera, verso il tramonto, ci rechiamo a Tamaricciu, proseguendo su sinuosi tornanti, costeggiati da colline verdeggianti, rivestite di oleandri e pini marittimi. E’ uno spettacolo paradisiaco con la vegetazione rigogliosa che si allunga verso le sottili spiagge di sabbia bianca. Dall’acqua turchese emergono rocce levigate. Proseguiamo la nostra passeggiata a piedi inoltrandoci per i sentieri di sabbia candida, fra gallerie di tamerici che emanano profumo di resina e giungiamo a una pineta. Sostiamo lì qualche minuto, gustandoci la vista del mare che pigramente lambisce la spiaggia, godendoci il silenzio e le vibrazioni che emana la natura che si sospinge verso l’acqua.

Vacanze in Corsica

Nei giorni successivi andiamo a Santa Giulia. Ce ne hanno parlato benissimo e avevano ragione. La spiaggia è ancora un po’ deserta e noi ne approfittiamo per le immersioni e per scattare tantissime foto.

Vacanze in Corsica

La sera ci rechiamo al centro di Porto Vecchio. Lasciamo la macchina al porto e risaliamo a piedi. La cittadina è molto viva e colorata. Ci sono tantissimi negozi di souvenirs e abbigliamento. I locali non sono molto economici, ma alla fine optiamo per U Spuntinu, un ristorante che ci ha colpito per il suo stile casereccio, l’atmosfera intima e le luci soffuse. Le stoviglie sono in legno e mi servono frittelle di verdure con farina di castagne e squisiti formaggi di capra su foglie di fico e, infine, una mousse di cioccolata e arance, dentro un barattolo di vetro.

Estate in Corsica

Vacanze estive in Corsica

L’indomani decidiamo di fare una passeggiata in montagna e durante il nostro tragitto, ci imbattiamo in un lago artificiale, poi proseguiamo verso la cascata Piscia di Gallu, dove trascorriamo l’intera mattinata. Ammiriamo il paesaggio dalle creste montuose e perdiamo lo sguardo verso l’orizzonte, in perfetto sposalizio fra terra e cielo. Durante l’itinerario vi sono moltissime rocce che suggeriscono forme umane o animali.

Vacanze estive in Corsica

Vacanze estive in Corsica

Prima di recarci a Bonifacio, dedichiamo una mattinata a la Rondinara, golfo che si apre oltre le colline e si tuffa in acque cristalline, caraibiche.

Vacanze estive in Corsica

Per tutti coloro che decidessero di fare una vacanza in Corsica, ricordo che la benzina e il diesel costano molto meno che in Italia, noi prima di rientrare abbiamo fatto il pieno; l’acqua è molto cara, quindi consiglio di portare qualche cassa direttamente da casa.


The following two tabs change content below.
Eliana Lazzareschi Belloni

Eliana Lazzareschi Belloni

Fin dall'infazia, ispirata dal contatto con la natura che la circonda, comincia a sperimentare la scrittura creativa, passione che eredita da suo padre e sua madre, vincitrice del 1° premio letterario Gianfrancesco Straparola nel 1996. Trascorre le estati organizzando spettacoli teatrali insieme ai tre fratelli più piccoli e ad alcuni amici. Proprio nei primi anni del liceo, inizia ad ampliare la storia di una delle sceneggiature delle loro recite e nasce la trilogia de 'Il Cristallo d'Argento', e nei cinque anni successivi, si dedica alla stesura dei tre libri. Nel 2006 lascia il suo paese per frenquentare la facoltà di Studi Orientali a Roma, dove consegue una laurea in lingue e civiltà orientali, trascorrendo tre mesi a Pechino, come parte dei suoi studi. Nel 2008 pubblica sul sito ilmiolibro.com 'La bambina nello specchio' e, durante la preparazione della tesi, inizia a scrivere 'Ghiaccio e Luce' . Dopo la sua laurea si trasferisce a Pechino per dieci mesi e poi a Londra per conseguire un diploma in organizzazione di eventi. Si dedica soprattutto a storie fantasy. Attraverso i suoi libri cerca di trasmettere l'amore e il rispetto per la natura. Appassionata di musica classica, viaggi ed ecoturismo, cucina bio e decorazioni ecologiche.
Tags: , , , , , , ,