Trekking sul lago di Scanno
[ Idee di Viaggio ]

Scanno, uno dei borghi più belli d’Italia


Scanno è stata per me una grande scoperta, poiché decisi di soggiornare cinque giorni sulle rive del suo lago su consiglio di mio padre. Non ne avevo mai sentito parlare, cosa che mi incuriosì ancora di più.

Ancora prima di arrivare, fu il tragitto ad affascinarmi. Passai attraverso le Gole del Sagittario, canyon spettacolare scavato dalla millenaria erosione delle acque dell’omonimo fiume. In nessun altro luogo è possibile ammirare gli scenari che offre questo paesaggio. Un’immersione pura nella natura da lasciare lo spettatore senza fiato!

Scanno offre due possibilità, o si soggiorna sul Lago di Scanno, o in paese.

Io affittai per pochi giorni una casetta sul lago, ed è quello che consiglio vivamente. Se decidete di visitare questo posto d’estate, la mattina al vostro risveglio godrete di uno scenario indimenticabile. Potrete osservare il sole specchiarsi nel grande lago, da cui ogni tanto saltano fuori i pesci presenti nell’acqua. Non sentirete alcun rumore caotico, se non il cinguettare degli uccelli, ed il frinire dei grilli.

Potrete fare colazione in riva al lago, in uno dei due bar che hanno i tavoli disposti vicino alle rive, o prendere il sole sul prato, o ancora decidere di fare un giro del lago in pedalò.

La sera, spesso si sentivano rumori di animali fugaci proprio dinanzi la porta, o quando cenavamo in terrazza, a pochi metri si vedevano piccole ombre scappare avanti e in dietro. Ebbene si, poiché la notte le volpi, o qualche cinghiale, abituati alla presenza umana, fa capolino dalle foreste per cercare qualcosa da mangiare!

Sia dalla zona del lago, che dal paese, partono molti percorsi, più o meno difficili, per chi ama il trekking. Sarà l’ufficio informazioni al centro del paese ad offrirvi consigli in base alle vostre capacità.

Insomma, per chi ama la natura, questo è sicuramente il posto ideale.

Dal lago parte una stradina parallela alla strada asfaltata, grazie alla quale si può raggiungere il paese con una passeggiata nella natura.

Il borgo mi diede l’impressione, la prima volta che lo vidi, di essere venuto fuori da qualche libro di favole!

Scanno è reso unico dalle stradine in pietra, dai balconi in ferro battuto, dalle cimmose (scale che conducono da una casa all’altra), dai portoni barocchi, offrendo ai visitatori scenari indimenticabili.

Essendo tutto in salita, tra una casa e l’altra si apriranno scorci meravigliosi, come piccoli fori da cui spiare la valle sottostante e le colline vicine.

Non a caso, Scanno è detta anche La Città dei Fotografi, a cui è dedicata una stradina da cui è possibile osservare gli scorci più belli di tutto il paese, catturati da fotografi importanti come Mario Giacomelli, Hilde Lotz-Bauer, Henri Cartier-Bresson.

Se invece decidete di visitare Scanno in inverno, sappiate che lo scenario sarà ugualmente suggestivo! Potrete camminare tra le stradine colorate di bianco dalla neve, godere delle luci che escono dalle finestre e si scontrano con il buio dell’inverno, tastare nell’aria l’odore della cioccolata calda!

Probabilmente è uno dei luoghi più magici in cui vivere il Natale!

Chi visita Scanno, infine, non può mancare di assaggiare il famoso Pan dell’Orso (animale che vive nei suoi boschi!), dolce tipico prodotto con la miscela di tre farine diverse, di grano, di patate e di mandorle, ed addolcito con il miele! Davvero buonissimo!


The following two tabs change content below.
Elvira Mastrangelo

Elvira Mastrangelo

Fin da piccola la mia passione più grande è stata la lettura, passatempo che permetteva ai svariati personaggi di raccontarmi i loro viaggi e le loro avventure. Diventata grande mi sono laureata in Filologia, Letterature e Storia dell’antichità, ed ho viaggiato ogni volta che ne avevo la possibilità, scoprendo l’entusiasmo di scrivere e raccontare agli altri le mie esperienze, rimanendo sempre convinta che, come dice Jerome Seymour Bruner “Le avventure accadono a chi le sa raccontare.”
Tags: , , , , ,