Mont Saint Michel marea
[ Idee di Viaggio ]

Mont Saint-Michel e la “marea del secolo”


È tornata di moda in questi giorni una delle località più pittoresche della Bretagna grazie a quella che è stata definita dagli esperti la “marea del secolo”.

Non era certo necessario l’intervento di agenti atmosferici straordinari per promuovere quello che è un po’ il simbolo del nord della Francia, ma sicuramente l’evento ha attirato migliaia di turisti in più ed ha avuto un’eco particolare in tutti i mezzi di comunicazione. Mont Saint-Michel, famoso in tutto il mondo per la sua peculiare posizione nel mezzo di una baia periodicamente inondata dalle maree, è la meta ogni anno di più di 3 milioni di turisti e curiosi.

Oltre alle maree che cambiano continuamente il paesaggio, il monastero sulla cima dell’isolotto è ciò che rende inimitabile il suo skyline, riconoscibilissimo sin da quando si percorre l’unica strada da cui si accede all’isola.

Mont Saint-Michel e la “marea del secolo”
autore Edouard Hue (CC BY-SA 2.0)

Una volta dentro le mura con un po’ d’immaginazione possiamo tornare indietro nel tempo fino al medio evo, percorrendo i vicoli del piccolo centro urbano ai piedi del monastero, ormai disabitato ed utilizzato solo per ospitare i negozi di souvenir ed i carissimi ristoranti del posto.

Nonostante questi “tocchi di modernità” e l’incredibile moltitudine di turisti che si riversa durante tutto il giorno nelle stradine affollate, l’atmosfera gotica ed il silenzio religioso che avvolgono la zona, contribuiscono a creare l’immagine di un posto che sembra essersi sottratto alle leggi del tempo.

Mont Saint-Michel e la “marea del secolo”
autore v923z (CC BY 2.0)

Vale la pena, anche se con un po’ di fatica, arrivare fino in cima attraverso una serie di scalini e stradine ripide per visitare l’abbazzia di Mont Saint-Michel, dalla quale sin dal XVI secolo è possibile ammirare uno dei paesaggi più suggestivi al mondo. Con un po’ di fortuna, se ci si organizza bene con i giorni e gli orari, si può anche osservare l’aumento della marea, che piano piano inizia ad invadere la zona pianeggiante fino a raggiungere il monte.

Non sempre sarà possibile assistere alla marea perfetta come quella che hanno avuto la fortuna di vedere i circa 10.000 turisti che hanno raggiunto il posto qualche giorno fa, visto che si tratta di un evento che non si ripeteva dal 1997, ma la vista rimane stupenda anche senza l’aiuto dell’acqua.

Mont Saint-Michel e la “marea del secolo”
autore neate photos (CC BY 2.0)

Con la bassa marea si organizzano passeggiate ed escursioni nella zona pianeggiante, anche se bisogna tenere sempre d’occhio il calendario delle maree perché in poche ore, in questo punto in particolare il livello del mare può cambiare di parecchi metri.

Indipendentemente dalla curiosità che ha suscitato in questi giorni, Mont Saint-Michel rimane uno dei luoghi turistici da non perdere quando si visita il nord della Francia. La zona offre una grande  varietà di hotel ed appartamenti, ideali per chi ha intenzione di visitare con calma le località più importanti che si trovano nel raggio di pochi km come St. Malo, Brest o Rennes.

(Fonte Immagine in Evidenza: autore anieto2k – CC BY-SA 2.0)

 

 

 

 


The following two tabs change content below.
Tags: , ,